CONDIVIDI

Dall’Italia puoi arrivare a Briançon attraverso il colle del Monginevro. Dalla Valle di Susa bisogna lasciare l’autostrada all’uscita per Oulx e, giunto a Cesana affrontare la ripida salita che ti porta a Claviere, nota località sciistica piemontese e dopo pochi chilometri ancora arrivi al colle del Monginevro che vale una sosta.

Briançon La città fortificata

Uno stupendo laghetto alpino ed ampi pascoli ristorano l’occhio, una breve passeggiata nel paese, un ampio rifornimento di aria pura, una sosta in uno dei bar di questa località rinomata alpina e potrai iniziare la discesa sul versante francese, tra tornanti che costeggiano stupendi boschi che emanano essenze resinose e ampi rettilinei che permettono anche una velocità maggiore, pur sempre nel rispetto dei limiti di velocità, che ti portano ad entrare nella cittadina di Briançon. All’ingresso della cittadina potrai lasciare la tua auto nell’ampio parcheggio appena al di fuori delle mura fortificate.

A questo punto ti trovi all’altezza di 1326 metri, alla confluenza di cinque valli che già fanno capire quella che era la funzione di questa città: la difesa da potenziali invasori, quindi con una notevole importanza strategica. Briançon è la più alta città di tutta la Francia, ricca di storia e di arte. La fortificazione della città fu affidata nel XVIII secolo all’architetto militare Vauban e la città stessa è oggi classificata come Patrimonio dell’umanità dell’Unesco.

Cosa vedere a Briançon

Entri nella città fortificata dalla cosiddetta Porte de Pignerol, un porticato preceduto da un ponte levatoio che consente di superare il fossato, oggi prosciugato, che proteggeva l’accesso alla città. Sotto a questo portico si trova anche l’ufficio di informazioni turistiche dove potrai avere tutte le informazioni per la tua visita alla città. L’ingresso alla città ti permette già subito di scoprire la città alta o cittadella di Vauban, il cuore della città, dominato dal forte del castello e diverse altre opere come il forte delle Salettes, quello delle Trois Tetes e il forte di Randouillet. All’interno della città potrai visitare la Collegiata di Notre-Dame risalente al XVIII secolo ma anche la chiesa delle Cordeliers del XIV secolo. La città presenta una via centrale ai cui lati si presentano antiche case a loro volta affiancate da ripide stradine che conducono a scorci panoramici sulla valle sottostante.

Semplicemente stupenda la Place d’Armes circondata da case dalle facciate in vivaci colori che ricordano le case Provenzali che, in fondo, non è una Regione molto lontana. Basta guardarsi intorno per ammirare numerose meridiane e fontane mentre gli amanti di architettura troveranno in questa città ampi motivi di interesse. Scendendo lungo la strada principale che attraversa la città, al fondo della stessa ti trovi ad entrare in una struttura ultra moderna che stride un po’ con lo stile della città, il museo della montagna che comunque merita assolutamente un’attenta visita, godendo anche dei contenuti multimediali cui puoi assistere, interessanti anche se in lingua francese. Risalendo la strada principale non puoi mancare la visita ad un negozietto che tratta sistemi della misura del tempo, dalle Meridiane agli anelli solari, tutto assolutamente e rigorosamente antichizzato, un negozio del tempo introvabile altrove, unico.

Se la tua visita è strutturata su più di una giornata, in poco più di trenta chilometri da Briançon arrivi al Colle del Lautaret, un luogo unico in alta quota dal quale godi di vedute semplicemente eccezionali ed uniche su grandi Ghiacciai che potrai anche raggiungere con una comoda funivia. Nella tua visita al colle del Lautaret ti consigliamo di coprirti bene perché anche nella stagione estiva è battuto da forti venti anche freddi, un’occasione per avere freddo in pieno agosto, quando in ogni altro luogo boccheggi per il caldo.

CONDIVIDI
Articolo precedenteArezzo cosa vedere
Articolo successivoFerrara cosa vedere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here