Viaggiare: lo spazio di una vacanza

21 aprile 2013, Natale de Roma mia, auguri!!

Scritto da Francesca Romana Alegi • Domenica, 21 aprile 2013 • Categoria: Considerazioni e Pensieri


Voglio raccontarvi Roma mia, la capitale der nasone, attraverso le parole di un poeta romano, Stefano D'Agostino ed un amico, Settimio Agostinelli, fotografo appassionato.

Le parole di Stefano e le foto di Settimio non hanno bisogno di tanti commenti, Roma è solo grandi emozioni, auguri Roma mia!

A Roma mia!

Adoro sta città de campanili,
de tetti, case, cupole e mattoni,
de strade strette, vicoli e portoni,
de monumenti, vie, piazze e cortili.

Adoro sta città de chiese e suoni,
negozzi enormi e fiere mercantili,
de ville, ponti, argini e pontili,
de trattorie, de sogni e de canzoni.

Adoro sta città immensa, eterna,
centro der mònno da li tempi antichi
de vita sempre attiva, 'na cisterna.

Adoro sta città de tutti amichi,
de gente alegra pure che je 'nverna,
noi sèmo noi, l'artri sò pizza e fichi.


Garbatella
‘Na sera a Garbatella

Si vòi gustatte senza ghirigori,
piatti romani e beve a garganella,
fatte un giretto pe la Garbatella,
ch’è come magnà a casa, annanno fori.

È er mejo posto ’ndò ce se stornella,
chitare che arintoneno li cori.
e nun ce sò poracci, né signori,
ma solo gente alegra in comunella.

Trippa, pajata, abbacchio scottadito,
li sartimbocca o un piatto de facioli,
er tonnarello cacio e pepe è un rito.

Senza tovaja e senza tovajoli...




Ar semaforo
È giallo … arivo e scatta er rosso adesso,
inchiodo, stop, so’ er primo de la fila,
de dietro a me è uguale la trafila, l’artri automobbilisti a fà lo stesso.

Ma ecco accanto a me uno se ‘nfila
ché c’era un buco e questo ce s’è messo,
me supera … frattanto un artro ossesso
da ‘st’artro lato passa e viè a tremila.

Stavo davanti e ora m’aritrovo che m’hanno superato tutti quanti, so’ circondato ormai, manco me movo.

Ma è giallo ancora … e er tempo che sto a perde, pe aritrovamme fermo ché davanti,
nissuno ha visto quanno ch’era verde!

L’accento su Roma

‘Gni vorta ch’ariguardo ‘sta città,
sapenno ch’è la mia, me sento un Re,
me chiedo chissà mai qual è er perché,
fra tutte io so’ ito a nasce qua.

E mentre me sorseggio un bon caffè
ringrazzio Dio pe quela Sua bontà,
ché ar monno un’artra pari nun ce sta,
Londra o Parigi o chi te pare a te.

‘Ndò t’arivorti, guarda qui e de lì, ‘no scorcio, un monumento o che ne so la Storia a Roma (embè) te dà der “Tu”.
E basta che me stacco un po’ da qui, so già che nun pò èsse più de un po’, ché senza Roma io nun vivo più...




poesie di Stefano Agostino: Roma in rima

foto di Settimio Agostinelli ©

5048 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

0 Trackbacks

  1. Nessun Trackbacks

0 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. Nessun commento

Aggiungi Commento


Enclosing asterisks marks text as bold (*word*), underscore are made via _word_.
Standard emoticons like :-) and ;-) are converted to images.
E-Mail addresses will not be displayed and will only be used for E-Mail notifications.
To leave a comment you must approve it via e-mail, which will be sent to your address after submission.

To prevent automated Bots from commentspamming, please enter the string you see in the image below in the appropriate input box. Your comment will only be submitted if the strings match. Please ensure that your browser supports and accepts cookies, or your comment cannot be verified correctly.
CAPTCHA