Viaggiare: lo spazio di una vacanza

E' Guanajuato la città più colorata del Messico!

Scritto da Francesca Romana Alegi • Martedì, 28 febbraio 2012 • Commenti 0 • Categoria: Messico

Eccola la città più colorata del Messico ... è Guanajuato che si trova a 2.000 metri sopra il livello del mare ed a circa 370 km da Città del Messico!

Circondata da colline aride e sassose, Guanajuato  deve il suo splendore alla scoperta di uno dei più leggendari giacimenti d'argento del mondo, quello della Valenciana, inaugurato nel 1548 ed, ancora oggi, in uso.

Impossibile non restare incantati dal fascino di una delle più famose città coloniali messicane, dichiarata patrimonio dall’Umanità dall’Unesco  per le ricche miniere di argento presenti nella zona e per le sue incredibili architetture risalenti all’era coloniale…

Situata sul letto del fiume in secca Río Guanajuato che una volta scorreva attraverso una lunga gola. Il vecchio corso del fiume segue il lungo tunnel principale sotterraneo Túnel Hidalgo.

Ma ci sono anche altre vías subterráneas, tutte collegate tra di loro e, quà e là, raggiungono la superficie, nei punti in cui le case sono collocate su delle arcate di roccia e ponti! La rete stradale superiore è come un labirinto ed è composta da strade strette, piccole viuzze ed angoli appartati.

Fondata nel 1554, oltre ad essere considerata la città studentesca per eccellenza del Messico, Quanax-juato (Posto delle Rane in lingua P'urhépecha) vi lascerà scoprire pian piano i suoi tesori nascosti, la sua gente e la sua cultura così viva!





>>Continua a leggere "E' Guanajuato la città più colorata del Messico!"

5932 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il Festival di Osun-Osogbo in Nigeria: comunicazione simbiotica tra i devoti e le loro divinità yoruba!

Scritto da Francesca Romana Alegi • Mercoledì, 18 agosto 2010 • Commenti 0 • Categoria: Nigeria

Ogni anno, nel mese di agosto e per 3/4 giorni ha luogo, nell'ovest della Nigeria, il Festival di Osun-Osogbo.

In questa occasione la popolazione si riunisce per celebrare la dea del fiume Ochun: a lei e ad altri orishas vengono offerti in sacrificio animali tra cui galli e montoni!

Prima del colonialismo, per propiziare le divinità, i sacrifici erano estesi anche agli esseri umani...

Secondo la religione yoruba, ad ogni persona che nasce è attribuito un orisha che sarà il suo protettore e che dovrà essere adorato lungo tutta la vita.


Osun-Osogbo è una delle ultime foreste sacre ai confini dell'urbanizzazione selvaggia, proclamata nel 2005 Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO.

E' situata sulle rive del fiume Osun, nei pressi della città nigeriana di Osogbo, nello stato di Osun.

La festa Osun-Osogbo è diventata famosa anche oltre i confini della Nigeria, grazie all'artista austriaca Susanne Wenger la quale, negli anni '80, scoprì  questo angolo vergine di paradiso africano, lottando affinché venissero dissotterrate, ripulite, rivalorizzate le forme più impensabili dell'arte yoruba.

A questo progetto hanno lavorato e contribuito vari artigiani ed artisti dell'Osun Sacred Grove, ridando  vita all'arte religiosa che si esprime nelle rare ed incredibili sculture in legno delle divinità e nei vari elementi che compongono i luoghi di culto.


Ma oggi la purezza della festa religiosa è inquinata dall'avidità del denaro ...


>>Continua a leggere "Il Festival di Osun-Osogbo in Nigeria: comunicazione simbiotica tra i devoti e le loro divinità yoruba!"

8253 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Aprile e Maggio, i mesi irlandesi all’insegna dei Festival

Scritto da LDN - 100viaggi • Venerdì, 9 aprile 2010 • Commenti 0 • Categoria: Irlanda

L'Irlanda si colora di musica e festival primaverili. The Cathedral Quarter Arts Festival, The Cork International Choral Festival e il Dublin Handel Festival, sono eventi imperdibili che nei mesi di aprile e maggio danno il benvenuto alla stagione primaverile.
Musica, teatro, danza, visual art, sono alcune delle discipline che caratterizzano questi Festival e le città che li ospitano sono raggiungibili con i voli offerti da Aer Lingus.

Belfast Country

The Cathedral Quarter Arts Festival, giunto alla sua 11a edizione, si terrà a Belfast tra il 29 aprile e il 9 maggio 2010 nell’area conosciuta come Cathedral Quarter per la sua prossimità alla Cattedrale di Sant’Anna. Il Festival si svolgerà all’insegna della musica, teatro, danza, visual art, parole e idee.
Per fare qualche anticipazione, ecco alcuni degli artisti di spicco internazionale coinvolti: Josh Ritter, Sharon Shannon, Hot Club of Cowtown, Hypnotic Brass Ensemble, Ardal O'Hanlon, Hope Sandoval and The Warm Inventions.

Il programma integrale del festival è disponibile sul sito web dedicato cqaf.com

The Cork International Choral Festival, avrà luogo a Cork, che è stata capitale europea della cultura 2005, tra il 28 aprile e il 2 maggio 2010. Il Festival, uno dei più importanti a livello europeo e giunto alla sua 56a edizione, celebra il meglio della musica corale e vocale a livello internazionale. Il programma comprende prestigiosi concorsi internazionali e nazionali, concerti di gala e di beneficienza, spettacoli
pubblici, e un programma di istruzione.

Castle County Cork Ireland

Per maggiori informazioni potete visitare il sito corkchoral.ie


>>Continua a leggere "Aprile e Maggio, i mesi irlandesi all’insegna dei Festival"

8280 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!