Viaggiare: lo spazio di una vacanza

Spariti nel nulla più di 3.000 profughi e rifugiati eritrei in mano ai trafficanti di organi ... fermiamo lo scempio!

Scritto da Francesca Romana Alegi • Domenica, 8 aprile 2012 • Commenti 0 • Categoria: Eritrea

Quando si può si parte ... qualunque destinazione, a nostro gusto, accessibile alle nostre tasche ... ma ogni paese può essere catalizzatore di diverse piaghe ... 


Nell’indifferenza della maggior parte dei media, da oltre un anno tra Sudan, Eritrea ed Egitto, si consuma il calvario di centinaia di uomini e donne: sono profughi e rifugiati, per la maggior parte Eritrei, che scappano dal loro paese alla ricerca di un futuro migliore, ma che finiscono per diventare merce di scambio tra militari, predoni e trafficanti di esseri umani. Ad occuparsi della loro sorte ora interviene anche l’ONU.

Don Mussie Zerai è un sacerdote eritreo, Presidente dell’associazione Habeshia per la Cooperazione allo Sviluppo, tra i primi a denunciare lo spietato crimine che avviene sulla pelle dei profughi.

Intervistato da Radio Vaticana il sacerdote ha riportato: “si sta consumando veramente una strage: non solo ci sono rapimenti, ma anche la sofferenza di queste persone rapite, perché abbiamo dimostrato che c’è il vergognoso traffico di organi umani: spesso la gente viene fatta a pezzi per essere venduta.

Dalle statistiche e nelle ricerche che abbiamo fatto tra il 2009 e il 2011 risulta che sono sparite nel nulla più di tremila persone. I rapitori chiedono fino a trentamila o quarantamila dollari a persona per il rilascio, in caso contrario si vendono i loro organi”.


>>Continua a leggere "Spariti nel nulla più di 3.000 profughi e rifugiati eritrei in mano ai trafficanti di organi ... fermiamo lo scempio!"

11753 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il lungo viaggio della vita!

Scritto da Francesca Romana Alegi • Venerdì, 29 aprile 2011 • Commenti 0 • Categoria: Considerazioni e Pensieri

 On the road ...

Mi cullo e mi trastullo nel pensiero di riprendere a viaggiare prima o poi, ma ora non è il momento ... un pò di problemini economici, più che la paura di viaggiare con  due bimbi ancora piccoli ... anzi quest'ultimo motivo non mi impedirebbe, da solo,  di viaggiare con loro.

Allora sogno... sogno il mio lungo viaggio della vita ! E penso ...

"Fino a quando le cose vanno bene, fila tutto liscio, si corre nella quotidianeità e si tralascia il senso che ha la vita in se stessa, quasi fosse scontato! Se invece, lungo questo magnifico viaggio che è la vita, ti capitasse di inciampare in un avvenimento più grande di te, allora la prospettiva cambia: non basta l'entusiasmo e la grinta per intraprendere "il viaggio", ma devi affrontare l'imprevisto, passo dopo passo".

E quello che mi sta capitando in questa particolare e sofferente tappa della mia vita ... apro il mio cuore a voi lettori di 100viaggi, per fare una considerazione ad alta voce ... una cosa è conoscere di un malattia tramite terzi, una cosa è vivere certe sofferenze sulla propria pelle. Penso che la prospettiva della percezione della vita cambia, quando una cara persona si ammala.


>>Continua a leggere "Il lungo viaggio della vita!"

11074 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Li chiamano patate sbucciate: sono gli albini muzungu uccisi in Tanzania

Scritto da Francesca Romana Alegi • Venerdì, 3 luglio 2009 • Commenti 5 • Categoria: Tanzania

Non è una notizia recente, ma forse non tutti sanno che in alcuni paesi africani tra cui il  Burundi, Camerun e Tanzania,  si è scatenata una vera e propria caccia agli albini: non è la mancanza di melanina che li rende diversi da tutti noi, purtroppo sono i raggi del sole i loro peggiori nemici o forse non più solo questi ... li chiamano anche "patate sbucciate", "scimmie", "fantasmi" e "demoni" in maniera dispregiativa ma non solo ... Con il  termine Muzungu in Kiswahili (parlato nell’Africa Orientale), vengono chiamati gli stranieri, in particolare i bianchi. Solo qualche mese fa, ho scoperto che lo stesso appellativo, in modo offensivo, è riferito agli africani affetti da Albinismo. Di conseguenza, mi sono sentita di dedicare questa parentesi agli albini che nascono e vivono in Tanzania,  perchè purtroppo il paese che io tanto amo non è solo  magnifici paesaggi ...

Questa particolare alterazione genetica, non colpisce solo i bianchi ma anche i neri. Solo che,  fra i neri l'essere chiari di capelli, chiari di pelle, con occhi color perla, è una condizione che risalta molto di più.
35 albini sono stati uccisi in Tanzania nel 2008. Vengono prelevati
campioni dei loro corpi: braccia, gambe, capelli, orecchie, oltre al sangue. La ragione, perversa, è il reperto raro: si ritiene possa avere proprietà inusuali. E' la medicina sciamanica quella che alimenta questo drammatico traffico: il truce mercato ha tariffe di 1000$ al "pezzo". Sono clienti particolarmente assidui di questo commercio i ricercatori di oro e pietre preziose che lavorano nelle zone intorno al Lago Vittoria: i delitti avvengono soprattutto in questa povera e turbolenta regione.


>>Continua a leggere "Li chiamano patate sbucciate: sono gli albini muzungu uccisi in Tanzania"

28100 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Vacanze al sole: un rimedio infallibile alla tristezza invernale

Scritto da LDN - 100viaggi • Martedì, 6 gennaio 2009 • Commenti 0 • Categoria: Egitto

Il 93% degli intervistati per conto dell’Ente del Turismo Egiziano rivela di essere convinto che l’esposizione al sole durante la stagione invernale abbia effetti benefici sulla salute e il benessere.

Molti (74%) riconoscono che, tra le principali cause del cattivo umore che spesso accompagna l’arrivo dell’inverno, un ruolo importante sia giocato dalla minore luminosità diurna e dalla inferiore durata del giorno. Circa il 60 per cento afferma che opterebbe per una vacanza all’estero se questo portasse ad effettivi benefici.


Dopo una stagione estiva particolarmente calda, la reintroduzione dell’ora legale invernale, con la conseguente diminuzione del periodo di luce nella giornata, ha tra gli effetti un aumento dell’impatto dei "Disturbi Emotivi Stagionali", in generale percepiti con uno stato d’animo malinconico e una tendenza alla spossatezza più marcata.


>>Continua a leggere "Vacanze al sole: un rimedio infallibile alla tristezza invernale"

7318 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!