Viaggiare: lo spazio di una vacanza

Nuova Zelanda tra parchi di ogni genere e grandezza: le bellissime Pankake Rocks!

Scritto da Francesca Romana Alegi • Giovedì, 27 dicembre 2012 • Commenti 0 • Categoria: Nuova Zelanda

Nuova Zelanda, un nome che suggerisce e riporta subito alla mente terre lontane, vergini, incontaminate. Un arcipelago che per lunghissimo tempo è rimasto isolato, non toccato dalla mano dell’uomo, ed ha permesso alla sua natura di crescere libera, rigogliosa e salvaggia, un autentico regno delle meraviglie che ancora oggi, nonostante l’arrivo e le trasformazioni attuate dall’uomo negli ultimi due secoli, conserva una fauna e una flora peculiari, introvabili in nessun’altra parte del mondo.

Lago Tekapo

In questo meraviglioso paese sono presenti un numero altissimo di parchi nazionali protetti, in tutto 14, istituiti a partire dal 1887 per preservare il patrimonio faunistico e floreale neozelandese, mantenendolo intatto nel suo stato originario. Uniche eccezioni sono i percorsi di trekking e qualche capanna per i turisti, ma sono luoghi in cui si può entrare gratuitamente visto che non sono a scopo di lucro.

Vi sono, poi, 20 parchi forestali, aree naturali che, a differenza dei parchi nazionali protetti, sono sfruttabili per trarre risorse e materie prime. Per non parlare, inoltre, delle 28 riserve marine in cui è assolutamente vietata la pesca e dei 4 Parchi Marittimi. Ma la lunga lista non è finita qui perchè bisogna aggiungere quasi 4.000 parchi regionali e riserve di vario tipo, che costituiscono una grande ricchezza per tutta la Nuova Zelanda, sia dal punto di vista dell’ambiente che da quello turistico.

Il parco nazionale più antico e riconosciuto come Patrimonio Mondiale dell’Umanità è il Tongariro National Park, nell’Isola del Nord. Su scala mondiale, è il quarto ad essere stato istituito, e si estende per circa 800 kmq di ampiezza, all’interno del Distretto di Ruapehu e in una porzione del Distretto di Taupo, a metà strada tra le due città principali, Auckland e Wellington. Ha un clima temperato e ospita le montagne sacre dei Maori, nonché i vulcani Tongariro, Ngauruhoe e Ruapehu. Il parco è assai popolare per chi ama il trekking, l’alpinismo e gli sport invernali come lo snowboard e lo sci, ospita cinquantasei specie diverse di uccelli e le uniche due specie di pipistrelli neozelandesi presenti nell’isola.

Tongariro National Park


>>Continua a leggere "Nuova Zelanda tra parchi di ogni genere e grandezza: le bellissime Pankake Rocks!"

6543 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Vacanze italiane a settembre. Gli italiani continuano a scegliere la natura

Scritto da Apcom • Domenica, 28 agosto 2011 • Commenti 0 • Categoria: Italia
E' ancora il turismo ecologico nel mirino delle vacanze degli italiani. Anche a settembre. Con un conseguente aumento di fatturato e presenze

Sono oltre sei milioni gli italiani in vacanza nel mese di settembre quando meno affollate sono le località turistiche e piu' convenienti le offerte di soggiorno.
E' quanto si desume sulla base dei dati Swg dove il grande controesodo di fine agosto non segna l'esaurirsi delle vacanze degli italiani che quest'anno in misura superiore al passato hanno scelto di partire anche a settembre.
Si stima che ben il 18 per cento degli italiani in vacanza durante l'estate trascorrono un periodo di riposo nell'ultimo mese "utile" della stagione.

Rispetto a giugno, luglio e agosto, nel mese di settembre - aggiunge la Coldiretti - si registra, insieme alle mete tradizionali del mare e delle città d'arte, un aumento in percentuale del turismo legato alla natura in montagna, nei parchi e nelle campagne. Ad apprezzare il mese di settembre sono soprattutto gli amanti della tranquillità che vogliono cogliere l'ultimo scampolo dell'estate per riposarsi e tornare in forma alla routine quotidiana.


>>Continua a leggere "Vacanze italiane a settembre. Gli italiani continuano a scegliere la natura"

3384 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Il Senegal è Teranga ... ma anche oasi verde ed incontaminata, in nome dell'ecoturismo e del turismo responsabile!

Scritto da Francesca Romana Alegi • Lunedì, 8 agosto 2011 • Commenti 0 • Categoria: Senegal

www.terangatour.com


Teranga non si traduce con la semplice parola "ospitalità", ma esprime molto, ma molto di più! Accoglienza, rispetto, attenzione, gentilezza, allegria ed il piacere di ricevere un ospite nella propria casa!

In Senegal lo straniero accolto in casa è coccolato e vezzeggiato, per lui vengono cucinati i piatti migliori, con gli ingredienti più ricercati ...  

Questo splendido angolo d'Africa occidentale è una terra ricca di bellezze naturali, con storia, tradizioni e popoli capaci di suscitare emozioni intense! Offre, inoltre, occasioni di viaggi responsabili, per tutti i gusti!

Il  turismo responsabile significa, più che mai, vivere un'esperienza lontana dai clamori del turismo classico, capace di restituirci il sapore del viaggio autentico, quello che si trasforma in esperienza di vita e che arricchisce tanto chi viaggia quanto chi ospita.

Viaggiare in modo sostenibile, visitando parchi naturali, scoprendo come vive la gente in Africa, è una delle possibilità offerte dalla ONG CTA volontari per lo sviluppo sostenibile.

Scegliere questo tipo di viaggio, invece di uno con una agenzia viaggi standard, significa aiutare concretamente le popolazioni locali che, oltre a svolgere la funzione di custodi della natura in cui abitano, ne diventano anche testimoni e mediatori culturali.

Chi è interessato allo scambio ed alla conoscenza interculturale con persone ed associazioni, può vivere esperienze di turismo comunitario, ospite presso famiglie con le quali fare amicizia e condividere aspetti della vita quotidiana.

Chi è amante della natura non sarà deluso dalle diverse proposte di ecoturismo … a tutt’oggi, infatti, questa terra è ancora in parte inesplorata per la maggior parte dei turisti italiani: parchi nazionali ed oasi protette, gite in piroga, birdwatching e relax sulle bianche spiagge affacciate sull'oceano.

Chi vuole approfondire tradizioni culturali potrà incontrare abili artigiani, partecipare a spettacoli di percussioni e danza, laboratori di tintura dei batik. Da non perdere il Festival internazionale del folklore e percussioni di Louga, alla fine di dicembre.

Tra i tanti itinerari alla scoperta del Senegal ce n’è uno tutto  "in verde", a nord di Dakar, quasi al confine con la Mauritania:  il Parco Nazionale degli uccelli di Djoudj, considerato il 3° parco ornitologico al mondo!

In inverno accoglie la nidificazione di 3 milioni di uccelli migratori (oltre 300 differenti specie) e la sua visita è un’indimenticabile esperienza, a contatto con la  meravigliosa natura senegalese: sarà uno spettacolo emozionante vedere fenicotteri rosa, pellicani, aironi, cormorani, ibis e spatole che si alzano in volo ad oscurare il sole man mano che la nostra piroga si avvicina scivolando dolcemente tra la vegetazione acquatica...

Ai bordi del parco sono disseminati i villaggi di comunità ricche di tradizioni culturali, come quelli delle etnie maure, wolof e peul. Saranno proprio loro ad accompagnarci alla scoperta del parco, ospitandoci nei bungalow che gestiscono in prima persona, tramite una rete di cooperative.


>>Continua a leggere "Il Senegal è Teranga ... ma anche oasi verde ed incontaminata, in nome dell'ecoturismo e del turismo responsabile!"

7615 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Turismo responsabile ad Al Jaseera Socotra: esperienza di viaggio con il cuore e con l'anima...

Scritto da Francesca Romana Alegi • Giovedì, 30 settembre 2010 • Commenti 0 • Categoria: Yemen

Trovo che sia essenziale per un viaggiatore conoscere, scoprire e provare forti emozioni, nel rispetto ed in armonia con il luogo che ci accoglie.

Sarebbe opportuno introdurre nel nostro vocabolario di viaggio parole come Turismo responsabile, ecoturismo, Turismo solidale!


Mi sento, quindi, di condividere con voi questo articolo di Gabriella che ci racconta, con il cuore e con l'anima, le sue esperienze personali di viaggio a Socotra e di come viverla, fornendo, oltretutto, dei preziosi ed utili consigli. 


"I have a dream…. Al Jaseera Socotra, l’isola di Socotra. Mi ci sono voluti 8 viaggi in Yemen per capire che Al Jaseera non era solo il nome della famosa televisione araba, ma la parola che in arabo significa, appunto, isola. Socotra per me è l’Isola.

Quando nel 2001 alla fine di un viaggio  nell’India del sud, Fabio amico e viaggiatore mi disse “la prossima meta sarà Socotra” la mia risposta fu” ma dove cavolo è Socotra??”.

Per scoprirlo ho dovuto aspettare 6 anni quando, nel marzo del 2007 io e Fabio decidemmo che fosse giunto il momento di partire per 3 settimane sull’Isola della Felicità.

Pare infatti che l’etimologia del nome Suqutra si possa collegare al sanscrito Dvpu Sukhatara, isola felice o Dvipa Sukhadhara, isola della felicità.

Partimmo un po’ da “figli dei fiori” alla ricerca di noi stessi e devo dire che Socotra si presta molto bene ad un viaggio dell’anima, un luogo dove la bellezza incontaminata, a volte anche aspra e difficile, riporta il vero esploratore in stretto contatto con la Natura e con Madre Terra.

Abbiamo avuto fortuna nel trovare Mohammed, la guida locale, che ci ha accompagnato tra le bellezze naturali uniche al mondo, tra la gente di montagna che vive nelle grotte, tra i pescatori che ci offrivano aragoste appena pescate.

Non voglio solo descrivere l’emozione che la gente e i magnifici paesaggi regalano a chi è in grado di viaggiare con il cuore aperto e neppure fare una semplice descrizione degli incredibili luoghi che la natura vi offre.

Vorrei invece offrire l’esperienza dei 6 mesi trascorsi sull’isola in meno di 3 anni a stretto contatto con le persone che vivono di turismo, venendo a conoscenza in maniera approfondita della loro cultura e delle loro problematiche.

Insomma vorrei dare il contributo di chi l’isola l’ha vissuta anche dalla parte della gente del luogo, sperando che i miei consigli possano farvi vivere la vacanza a Socotra nel modo migliore. 

... Il turista responsabile si informa in anticipo su situazione politica e su usi e costumi del paese che andrà a visitare e - una volta giunto a destinazione - si cala in quell’ambiente, facendosi partecipe di ciò che lo circonda, comportandosi nel rispetto delle tradizioni e della natura, assaporando cibi locali e interagendo con la gente del posto.
Un turismo equo nella distribuzione dei profitti, rispettoso delle comunità locali e a basso impatto ambientale comporta di ottenere un po’ di più dalle nostre vacanze offrendo un po’ di più ai paesi ospitanti.

Al contrario un turismo di massa può causare degrado ambientale, un consumo eccessivo delle risorse naturali, un'edificazione intensiva nonché la dispersione dell'identità culturale.

L'ecoturismo (o turismo ecologico o turismo natura) è una forma di turismo responsabile, in armonia con la natura e con il territorio.

Coloro che scelgono una vacanza ecologica scelgono di vivere in contatto con la natura, di tutelarne l'ambiente, le tradizioni e le culture locali.

Sono viaggiatori sensibili, curiosi e attivi, generalmente appassionati di escursioni, trekking, mountain bike, climbing, alpinismo e birdwatching, attività da alternare al relax e alla conoscenza delle tradizioni folkloristiche e gastronomiche locali.


>>Continua a leggere "Turismo responsabile ad Al Jaseera Socotra: esperienza di viaggio con il cuore e con l'anima..."

7838 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!