Viaggiare: lo spazio di una vacanza

2 differenti modi di vivere la Sardegna in Gallura: la spiaggia di Vignola (Aglientu), nel "camping Saragosa" e "l'Agriturismo Stazzi La China" (Luogosanto), nell'entroterra!

Scritto da Francesca Romana Alegi • Domenica, 29 agosto 2010 • Commenti 0 • Categoria: Italia

La Sardegna è un'isola generosa ed accogliente, luogo comune d'incontro che, con la sua natura ed il suo popolo, ha saputo affascinare, nel corso dei secoli, generazioni di viaggiatori, ieri ... come oggi!

Torre di Vignola - Foto di Giando Uscidda

Una regione sarda a cui sono particolarmente affezionata ? La Gallura.

E' stata la località in cui ho vissuto le mie vacanze estive per 3 stagioni consecutive, quando ancora  studiavo, pochi soldi in tasca, una tenda ed il Camping Saragosa.

Collocato nel magnifico scenario della costa gallurese, ad un passo dalla torre di Vignola, nel comune di Aglientu , in prossimità della quale, nelle notti stellate, si facevano dei magnifici falò, in compagnia della comitiva con cui partivo ed a cui si aggregavano nuovi amici!

Chitarre, qualche fresca birra e l'inseparabile "bambinello" (nel dialetto romano), ossia lo stereo portatile, a cui non potevano mancare le pile, altrimenti come si poteva ascoltare la musica degli anni '80?

Così ho trascorso le mie spensierate e divertenti giornate di mare, pernottando nel campeggio ed utilizzandolo anche come transito per visitare altre bellissime località sarde, tra mare, tintarella, passeggiate, entroterra e cucina tradizionale squisitissima!

Sono passati tanti anni da allora e so che quello stesso camping è cresciuto...

Ma quelle magnifiche piazzole all'ombra in cui piantare le tende sono sempre lì, così come sempre lì ci sono due persone a me molto care e che questo  camping lo hanno visto crescere, lo hanno curato come una piantina: Giando ed Eraldo. Ed i risultati si sono visti con l'andare degli anni, eccome!

Ora ci sono dei bungalows, dei campers adibiti a pernottamento, l'animazione. Il  camping Saragosa è fornito di tutti i conforts per passare una vacanza in movimentata compagnia e, perchè no, anche in completo relax!

Io sulla Torre di Vignola e con la mia amica Silvia davanti alla mia tenda!

Quando c'è la volontà, la determinazione e l'amore si può ottenere molto, tanto, a volte l'impossibile ... e ci vuole coraggio a lasciare il certo per l'incerto ...

E' quello che è successo alla mia migliore amica Simona che ha lasciato un lavoro di libera professione, più che avviato, per rincorrere il sogno di vivere lontano dalle città, lontano dal "continente", a dirla come i simpatici sardi! 

Si è trasferita nell'entroterra in Gallura ed ha creato, dal nulla, su 40 ettari di terra, a monte del fiume Liscia,  insieme ai suoi genitori pensionati ed alla sorella, L'Agriturismo ed Azienda Agricola Stazzi La China.

L'Agriturismo ed Azienda Agricola Stazzi La China

Guarda caso, ma dove poteva collocare il suo agriturismo?  Nell'entroterra gallurese ... ad una manciata di chilometri dalla costa a me tanto cara! Ma non è strana la vita?



>>Continua a leggere "2 differenti modi di vivere la Sardegna in Gallura: la spiaggia di Vignola (Aglientu), nel "camping Saragosa" e "l'Agriturismo Stazzi La China" (Luogosanto), nell'entroterra!"

20333 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Porto Santo ... una perla portoghese nell'oceano atlantico!

Scritto da Francesca Romana Alegi • Giovedì, 12 agosto 2010 • Commenti 0 • Categoria: Portogallo

Non avete ancora una meta per le vostre vacanze? Cercate una località un pò fuori dal mondo civilizzato, con prezzi ancora accessibili?

Ed allora tra i "last-minute" forse troverete Porto Santo … una bellissima destinazione: 4 ore di volo la separano dai principali aeroporti italiani ...

Nell'arcipelago di origine vulcanica a cui appartiene, c'è anche Madeira (da cui dista 50 km) e 2 gruppi di isole disabitate, le Desertas e le Selvagge.

Questa piccola perla portoghesecollocata nell’oceano atlantico, è una vera e propria oasi per chi è in cerca di riposo e benessere: temperature miti tutto l'anno (tra i 18 ed i 27°), acqua e sabbie con proprietà incredibilmente terapeutiche.

E per coloro che amano l'attività fisica sono a disposizione molteplici sport da praticare tra cui il diving, il surf ed il windsurf, il trekking, il parapendio ed il golf!

In soli 10 km di lunghezza e 6 km di larghezza sono racchiusi dei paesaggi  meravigliosamente contrastanti: la costa settentrionale con alte scogliere a picco sul mare, quella meridionale caratterizzata, invece, da una spiaggia di sabbia finissima e dorata lunga 9 km!


>>Continua a leggere "Porto Santo ... una perla portoghese nell'oceano atlantico!"

11278 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

30 milioni di anni racchiusi nelle Isole Canarie. Tenerife: " la montagna bianca".

Scritto da Francesca Romana Alegi • Lunedì, 9 agosto 2010 • Commenti 0 • Categoria: Spagna

Le Isole Canarie , costituite da 7 isole e 6 isolotti, sono punte emerse di una catena montuosa vulcanica  che si estende sul fondo dell'oceano.

Nell' arcipelago sono racchiusi 30 milioni di anni, tra bei paesaggi e misteri che ancora cercano risposte!

Si trovano al largo delle coste nord -occidentali africane, nell'area che appartiene politicamente alla Spagna, da cui emerge la cosmopolita ed urbanizzata Tenerife (che significa Montagna Bianca), l'isola più grande delle Canarie ed anche la più conosciuta turisticamente.

Qui svetta il Teide, il monte più alto della Spagna ed anche vulcano a scudo, il terzo nel mondo, come grandezza.

Vale la pena dedicare  una giornata intera alla visita del Parco Nazionale del Teide, con il suo paesaggio  lunare e surreale: colori che variano dal rosso al nero all'ocra, la vastità  degli spazi, il silenzio.

E' "Terra Bruciata"  dove la natura si è divertita a creare, con le sue colate laviche, delle forme bizzarre. 



Da visitare assolutamente il sito archeologico di Güímar: al suo interno un intero complesso cerimoniale interamente restaurato, grazie al ricercatore norvegese Thor Heyerdhal che è riuscito, con la sua devota passione, a recuperare un patrimonio culturale che rischiava di scomparire!

L'enigma di queste piramidi, molto simili alle piramidi maya, sarà collegato all'antico regno dei Guanci (o Guanchi) che aveva dominato le Canarie prima che giungessero i colonizzatori spagnoli nel XV° secolo?

Al Museo della Natura e dell´Uomo di Santa Cruz, il visitatore potrà ammirare tutto quel potenziale di contenuti, collezioni e conoscenze accumulatosi in decenni di ricerca e di lavoro scientifico, è un patrimonio inestimabile, testimone della ricchezza naturale delle Isole Canarie e delle loro popolazioni preispaniche.



>>Continua a leggere "30 milioni di anni racchiusi nelle Isole Canarie. Tenerife: " la montagna bianca"."

5873 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Turismo e vacanze verdi. Vale 10 miliardi. Il primato dell'Italia

Scritto da LDN - 100viaggi • Mercoledì, 4 agosto 2010 • Commenti 1 • Categoria: Tendenze di mercato

Cresce il turismo ecologico che raggiunge in Italia il valore di oltre 10 miliardi con un progressivo aumento del fatturato e delle presenze, anche per l’offerta di sistemazioni low cost in agriturismi o campeggi, uniche forme di alloggio vacanziero che rispettivamente tengono e aumentano secondo la fotografia scattata da Unioncamere-Isnart per l'Osservatorio Nazionale Turismo.

E' quanto afferma la Coldiretti nel sottolineare che la vacanza nel verde nel 2010 è scelta dall’8 per cento degli italiani, secondo l’indagine Swg.
L'Italia può contare su ben 772 parchi e aree protette presenti che coprono ben il 10 per cento del territorio nazionale.
I turisti ecologici cercano soprattutto il contatto con la natura (38%), ma anche relax e tranquillità (13,7%), le tradizioni culturali, folcloristiche ed enogastronomiche (12,6%), la possibilità di avere prezzi più bassi rispetto alle altre tipologie di turismo (10,3%) e, infine, sport (trekking, mountain bike, birdwatching, sci, equitazione, climbing) e attività all'aria aperta (9,9%), secondo il rapporto Ecotur.

E' significativa, tra gli amanti della vacanza a contatto con la natura, la presenza dei giovani tra i 16 ed i 30 anni che sono ben il 23,2 % mentre per quanto riguarda le strutture di ospitalità ad essere privilegiati rispetto alle tradizionali vacanze sono gli agriturismi, scelti da oltre il 20 per cento dei vacanzieri ecologici.


>>Continua a leggere "Turismo e vacanze verdi. Vale 10 miliardi. Il primato dell'Italia"

4368 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Zante o Zacinto ... il "Fiore di Levante" della Grecia!

Scritto da Francesca Romana Alegi • Domenica, 1 agosto 2010 • Commenti 0 • Categoria: Grecia

Navagio

Eccola qui Zante, meglio nota con il nome Zacinto, era così che veniva chiamata dai poeti del passato, tra cui  il nostro Ugo Foscolo! E' la terza isola greca, per grandezza, delle isole ionie (406 km²). Dista 9,5 miglia marine dalla costa del Peloponneso ed è situata a 300 km ad ovest di Atene.

Soprannominata Il "Fiore di Levante", l'isola presenta imponenti coste  rocciose e spiagge di sabbia dorata, una fitta e verde vegetazione ed il turista, nel sceglierla per la sua vacanza, può decidere  di partire da maggio fino alla fine di ottobre, perchè la stagione estiva a Zante è particolarmente lunga.

Le sue coste, nei mesi estivi, sono bagnate da acque caldissime e questo è stato motivo di attrazione da  parte delle simpaticissime tartarughe Caretta-Caretta che hanno scelto il loro luogo di riproduzione nel sud dell'isola, al pari della foca Monachus Monachus che si può incontrare nelle scoscese e rocciose coste occidentali. Tali eccelse presenze hanno suscitato l'interesse internazionale e, nel dicembre del 1999, è stato istituito il primo parco nazionale marino della Grecia

Come raggiungere l'isola

in aereo da Atene: con voli giornalieri della durata di 45 minuti e voli charter per tutto il periodo estivo da e per molte città europee, tra cui, ovviamente l'Italia. Esistono, inoltre voli che collegano Zante a Cefalonia (30 minuti), Corfù (2 ore) e Salonicco (3 ore e 10 minuti);

in nave dall'Italia: con compagnie di navigazione italiane e greche con partenza da Trieste, Venezia, Ancona, Bari e Brindisi che arrivano fino a Patrasso e Killini. Da Killini partono i traghetti per Zante (1 ora 1/2 di traversata). E' possibile raggiungere Zacinto anche da Cefalonia (distanza 1 ora). 

Da Zacinto, inoltre, c'è la possibilità di visitare numerosi isolotti disabitati: nel golfo di Laganas ci sono Pelouzo e Marathonissi, mentre 27 miglia nautiche a sud dell'isola troviamo le Strofadi (Arpia e Stamfani) e St. John (di fronte a Porto Vromi).  

Gli itinerari che vi porteranno alla scoperta di Zante sono numerosi : uno dei più suggestivi vi farà scoprire la Zante "selvaggia", quella a Nord-Est ... ossia ...




>>Continua a leggere "Zante o Zacinto ... il "Fiore di Levante" della Grecia! "

16372 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Umbria: regione di tradizioni, profumi e ... tripudio di colori!

Scritto da Francesca Romana Alegi • Venerdì, 12 marzo 2010 • Commenti 0 • Categoria: Italia


Umbria la regione italiana dai mille colori, profumi e tradizioni! Terra di Santi, di Vino, di Jazz, e di ... cioccolato ! Terra dell’Acqua, del Folklore e delle Bellezze Naturali. Terra dell’Amore che ha visto nascere San Valentino, patrono della città di Terni, Santo protettore degli innamorati!

Quest’anno l'Umbria è stata scelta dall’ Associazione Sommelier Italiani (AIS) per il loro 44° congresso nazionale; sede da anni della più importante manifestazione nazionale del cioccolato è adatta a coppie, famiglie con bambini e anziani!


La programmazione dell’anno 2010 include tutti gli eventi da marzo a dicembre 2010 che si svolgeranno nel territorio: molte manifestazioni animeranno l’Umbria, qui di seguito solo alcune in occasione della Santa Pasqua:

ASSISI
Giovedì Santo: Cerimonia della deposizione del Crocefisso;
Venerdì Santo: Processione per il trasferimento del Cristo Morto alla Basilica di San Francesco;
Processione serale lungo un percorso illuminato da fiaccole.


NORCIA/CASCIA
Processione del Venerdì Santo: nei due centri medioevali viene rievocato il martirio di Cristo con i quadri viventi della Passione.

TODI
La Passione viene rivissuta nel martirio di Cristo nella Via Crucis.

ORVIETO
La Via Crucis percorre il centro storico addobbato con drappi preziosi per rendere onore al Cristo.




>>Continua a leggere "Umbria: regione di tradizioni, profumi e ... tripudio di colori!"

7078 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

La Elephant Coast nel KwaZulu-Natal

Scritto da LDN - 100viaggi • Martedì, 20 ottobre 2009 • Commenti 0 • Categoria: Sud Africa

La Elephant Coast nel KwaZulu-Natal sudafricano è una destinazione ecoturistica in ogni senso della parola.
E’ ben nota per i suoi sforzi nel campo della conservazione delle zone umide e della fauna selvatica, punti di forza del turismo della Elephant Coast.


Le attività più popolari della Elephant Coast sono volte al rispetto dell’ecologia: tra queste, l’osservazione dei Big Five, escursioni e passeggiate nella natura, immersioni subacquee e ricerca delle tartarughe marine.

La Elephant Coast del KwaZulu-Natal ospita due tra le maggiori istituzioni sudafricane di protezione dell’ambiente: il Parco iSimangaliso Wetland e il Parco Hluhluwe-Imfolozi.

Il Parco iSimangaliso si estende per 220 km dal capo St Lucia al confine mozambicano ed è un sito Patrimonio dell’Umanità.
E’ dominato dal lago St Lucia e dall’estuario St Lucia, con la sua intricata rete di laghi costieri, dune, foreste subtropicali, acquitrini e ambienti umidi che costituiscono un porto sicuro per la fauna e la flora locali.


>>Continua a leggere "La Elephant Coast nel KwaZulu-Natal"

6238 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

"Arriva in Portogallo da straniero, riparti da amico ..." così dice un antico proverbio portoghese!

Scritto da Francesca Romana Alegi • Martedì, 4 agosto 2009 • Commenti 0 • Categoria: Portogallo
Il prossimo anno ho deciso che passerò le mie vacanze in Portogallo, ma vorrei potermi creare un itinerario su misura e non è facile perchè ho qui una lunga lista di posti da vedere  ...


... e mentre leggete questo post fatevi cullare dalle dolci e terapeutiche note dei Madredeus: l'istinto mi dice che la loro musica rappresenta esattamente l'atmosfera che respirerò mettendo piede in questa parte di estremo occidente europeo, con le sue particolari città, gli angoli infiniti che si perdono nei paesaggi di montagna, nelle sperdute valli, nelle scogliere a picco sul mare, nelle spiagge dorate e dove il tempo sembra meravigliosamente fermarsi...



Lisbona, sulle rive del fiume Tago,  non può di certo mancare nella  mia tabella di marcia: ricca di tradizione e monumenti artistici, a testimonianza dei suoi secoli di storia gloriosa. Passeggerei per i suoi caratteristici quartieri  e salirei su uno dei suoi 7 colli per ammirarne il panorama immaginandomi la sua ricostruzione,  avvenuta grazie alle ricchezze accumulate dai colonizzatori portoghesi in India ed in Africa, dopo il disastroso terremoto del 1344.

Dovrei fare una cernita tra le numerose città portoghesi, perchè in sole 2 o 3 settimane di tempo non  sarà possibile visitarle tutte, a meno che non faccia toccata e fuga,  ma non è nel mio stile!


A nord Porto, di origine preromana con i suoi 12 ponti che attraversano il fiume Douro: il suo centro storico è stato dichiarato dall'Unesco, patrimonio dell'Umanità. Nelle sue vicinanze ci sono spiagge bellissime come Matosinhos, Vila Nova de Gaia o Vila do Conde; poi c'è Braga ricca di edifici religiosi: 35 chiese, compresa la  sua splendida cattedrale.




al
centro Coimbra, la più importante città universitaria del paese, piena di vicoli e strette stradine, scalinate ed archi medioevali e all'estremo sud la cittadina romantica di Lagos ed ancora ... Faro, antico villaggio di pescatori in seguito divenuto un importante porto, ora una delle maggiori attrazioni turistiche balneari.


 


Mi concederei il privilegio di dormire in una delle tante "pousadas" presenti  sul territorio portoghese: si tratta di splendidi alberghi ricavati da palazzi, conventi, nobili fattorie, situati  soprattutto nei caratteristici borghi medioevali o in zone dove la natura fa da contorno.



Nel  Nord del paese, quasi sconosciuto al turismo di massa, non mi perderei il  Parco nazionale di Peneda-Gerês, il primo parco portoghese istituito nel 1971: 72.000 ettari  di lussureggiante vegetazione  arborea ed una ricca fauna selvatica che costituisce un'impressionante e rara bellezza di paesaggi. In questa regione il clima è mite e c'è la possibilità di praticare differenti attività sportive nel bacino artificiale di Caniçada, passeggiare per i numerosi sentieri esistenti e visitare i borghi caratteristici, Soajo e Lindoso, dove è possibile ammirare sparpagliati ovunque gli antichi espigueiros. Sono depositi di grano che sorgono adiacenti alle abitazioni, costruiti con pietra o legno: presentano delle sottili fenditure per far passare l'aria impedendone, al contempo, l'accesso ad uccelli e roditori. Poggiati non sul terreno, ma sorretti da robuste colonne di granito, quasi a volerne sottolineare un carattere di sacralità.

E poi c'è il mare ...


>>Continua a leggere ""Arriva in Portogallo da straniero, riparti da amico ..." così dice un antico proverbio portoghese!"

8681 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

I paesaggi sommersi di Ventotene e S.Stefano: due piccole gemme nell'arcipelago pontino

Scritto da Francesca Romana Alegi • Sabato, 18 luglio 2009 • Commenti 0 • Categoria: Italia


Molti di voi staranno già in vacanza, ma per coloro che devono attendere ancora ... in Italia, nel nostro "bel paese" ci sono tante belle destinazioni da scegliere come meta, ognuna poi con le sue proprie ed uniche particolarità.
Oggi non occorre andare tanto lontano per ritagliarci un angoletto di meritato riposo ... vi porto volentieri a Ventotene e a Santo Stefano !



Di fronte al Golfo di Gaeta, nella regione Lazio, si trova l'arcipelago delle Isole Pontine, in gran parte di origine vulcanica: ad oriente Ponza e gli isolotti di Palmarola, Gavi e Zannone e ad occidente Ventotene e S.Stefano: tutte raggiungibili con il servizio di traghetti ed aliscafi da Anzio, Terracina e Gaeta.  


Ventotene e Santo Stefano non sono che la parte emergente di un vucano posto a 900 metri sotto il livello del mare. I fondali da cui sono circondati sono in prevalenza  rocciosi e scendono ripidi a quote profonde anche vicino alla costa, a parte la fascia di mare tra le due isole, che non supera i 18-20 metri di profondità.

In questo scorcio di Tirreno gli amanti di subacquea troveranno sorprendenti paesaggi sommersi: nel variegato e variopinto ecosistema marino sono presenti, tra l'altro, numerose colonie di astroide, uno dei pochi rappresentanti nel Mediterraneo, dell'ordine dei madreporati, piccoli organismi costruttori di barriere coralline.

A Ventotene la palma nana, specie rarissima in Europa, è presente nella località di Punta dell'Arco con pochi esemplari. Non a caso dal 1997 le due isole sono state proclamate aree Naturali Marine protette, al fine di preservarne e garantirne la conservazione delle bellezze naturali. Proprio grazie a questa tutela  la presenza turistica ed umana non ha determinato quel degrado che purtroppo è presente in altre parti d'Italia.






Ventotene è così piccola che è facilmente percorribile a piedi: motorini ed automobili sono praticamente assenti il che la rende meravigliosamente "silenziosa". Non appena scesi dal traghetto o aliscafo risalterà ai vostri occhi il vecchio porto, con delle insenature scavate nella roccia a forma di piccole grotte: sono i "garage" dei pescatori.

Questa parte dell'isola di notte si anima, si colora e diventa punto d'incontro degli isolani, dei villeggiatori abituali ed  occasionali!


>>Continua a leggere "I paesaggi sommersi di Ventotene e S.Stefano: due piccole gemme nell'arcipelago pontino"

8083 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

La Baviera: valida alternativa alla vacanza balneare!

Scritto da Francesca Romana Alegi • Martedì, 9 giugno 2009 • Commenti 4 • Categoria: Germania



Ogni anno un dilemma: dove si va in vacanza?

Il problema non è solo la destinazione ma la possibilità economica anzi, direi che quest'ultima è diventata la ragione primaria che muove le nostre intenzioni! Gli italiani amano molto il mare ma l'Italia, stando agli ultimi sondaggi, è diventata una delle più care, così come la Croazia! Tra le località balneari la Grecia insieme alla Polonia è tra i  paesi europei quella meno cara, seguita da Portogallo e Spagna.

Mi soffermo su una mia precedente considerazione:  utilizzare i cinque sensi per viaggiare ...magari!
E se i soldi mancano? Sigh! Rimaniamo a casa!
Eppure si "spera" che le tanto attese ferie possano essere utilizzate per raggiungere una qualsiasi destinazione, vicina o lontana. Si presume che una persona dopo un anno di lavoro (fuori o dentro casa) abbia la voglia di rilassarsi, divertirsi e conoscere!



Valida alternativa al mare e meta che potrebbe soddisfare molte delle nostre esigenze  è una regione che si trova in Germania: la Baviera


>>Continua a leggere "La Baviera: valida alternativa alla vacanza balneare! "

3164 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Madre de Dios in Perù

Scritto da LDN - 100viaggi • Lunedì, 12 gennaio 2009 • Commenti 0 • Categoria: Perù

Río Madre de Dios
Il Perù è uno dei paesi più incredibili e affascinanti dell'America Latina. Una delle sue contee (o dipartimenti) è Madre de Dios, a sud-est del Perù.

Esuberante, dai boschi infiniti e dai fiumi sinuosi che scorrono fino all’Oceano, Madre de Dios è un dipartimento dove la vita abbonda in tutti gli angoli.
Puerto Maldonado, la città capitale,è un passo obbligato per accedere a qualsiasi dei parchi nazionali e delle riserve della zona ed è stato, in diversi periodi, un importante centro di esportazione del caucciù, di legno, di oro e di petrolio.
Oggi due delle attività economiche principali del dipartimento sono l’ecoturismo e la raccolta di castagne.

A 10 km da Puerto Maldonado e dopo un’ora e mezza di cammino si trova il Lago Sandoval, circondato da distese di alberi di aguaje, da orchidee, lupunas, rovere e palme mauritias alte oltre 30 metri.
Il lago è anche la dimora di una gran varietà di specie come i tucani, i guacamayos, i pappagalli, le gazze, i tapiri, le tartarughe e rifugio della nutria di fiume e del coccodrillo nero, entrambi in pericolo di estinzione.


>>Continua a leggere "Madre de Dios in Perù"

8592 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Vela & Natura. Crociere in Provenza e Sardegna

Scritto da LDN - 100viaggi • Lunedì, 5 gennaio 2009 • Commenti 0 • Categoria: Francia, Italia

Crociera a vela
Una crociera in Provenza, Corsica e Sardegna può trasformare una vacanza in barca in un "viaggio", di scoperta e condivisione, rispettoso dell'ambiente e delle persone e culture incontrate, con l’opportunità non solo di scoprire la vela, ma di effettuare esplorazioni subacque ed escursioni a terra in parchi naturali e marini.

La "Carta d'identità per viaggi sostenibili", pone come obiettivo la promozione di un modo di fare turismo che sia equo nella distribuzione dei profitti, rispettoso delle comunità locali e a basso impatto ambientale.

Il cuore dell'esperienza “di viaggio” è rappresentato dall'incontro e dalla conoscenza, con i luoghi visitati, con l'ambiente marino e naturalmente con i compagni di viaggio, che condividono quel magico ambiente ristretto che è la barca a vela, in cui si intrecciano convivialità, stanchezza ed entusiasmi, in una "forte" condivisione di esperienze.

Nelle crociere in barca a vela si viaggia in piccoli gruppi, per permettere una maggiore autonomia dei partecipanti che possono decidere, nei limiti del possibile, il programma del viaggio, uscendo dalla logica del "tutto organizzato".


>>Continua a leggere "Vela & Natura. Crociere in Provenza e Sardegna "

3686 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!