Viaggiare: lo spazio di una vacanza

Cuba: religione Yoruba e la santeria cubana degli Orishas...

Scritto da Francesca Romana Alegi • Domenica, 20 dicembre 2009 • Categoria: Cuba





Siamo di nuovo a Cuba, con le sue tradizioni radicate ed un'altra parola chiave nella vita del cubano:  Orishas e non solo per coloro che vivono nell'isola ... il richiamo è anche per tutti i cubani  residenti all'estero, gli adepti sono un numero ragguardevole!

La santeria cubana nasce dalla religione Yoruba e trae le sue radici nella tribù Yoruba, originaria della Nigeria, nell'ovest dell'Africa. I membri di tale tribù furono importati durante il periodo della schiavitù, abolita nel 1880.

Ed il pensiero filosofico della religione Yoruba è accompagnato dalla Regla de Ifà ed i suoi 16 comandamenti:
  • non dire ciò che non sai;
  • non fare riti che non conosci;
  • non condurre le persone in vie false;
  • non ingannare nessuno;
  • non pretendere di essere sapiente se non lo sei;
  • essere umile;
  • non infrangere Tabù;
  • mantenere puliti gli strumenti sacri;
  • mantenere pulito il tempio;
  • rispettare i deboli;
  • rispettare le leggi morali;
  • non tradire un amico;
  • rispettare i maggiori;
  • rispettare la gerarchia;
  • non rivelare segreti.

Qui di seguito il richiamo africano delle melodie cubane che scaturisce dall'unica liturgia detta  regla de Ocha:





Tra il 1850 ed 1860 il 34% degli schiavi cubani erano Yoruba o Lucumì (a causa del loro saluto che significa "amico mio").

Da loro e dagli altri schiavi, ognuno con le proprie credenze, si sviluppa il sincretismo religioso: elementi tribali e sciamanici mescolati a riti e personaggi della religione cattolica.

Secondo la Santeria esiste un unico Dio chiamato Oludarne, la cui rappresentazione umana mascolina è Olorun che significa
"padrone del cielo" Egli non ha attributi umani ma è puro spirito ed energia.

Tra Dio e gli esseri umani vivono gli Orishas (i Santi), guardiani ed interpreti del destino universale!


Google Immagini

Alcuni di questi Orishas furono umani e si trasformarono in Santi per via della loro vita eccezionale. Altri, invece, sono diretta emanazione di Oludarne, rappresentano principi della Natura e si espimono attraverso il Regno Vegetale, Minerale ed Animale.

Google Immagini
Ogni uomo è governato da un Orisha a cui deve rispetto, devozione ed ... offerte, soprattutto nel giorno della festa di ogni Santo. Durante queste feste ci si scatena in danze e musica, agli Orishas vengono offerte grandi quantità di cibo e bevande e si celebrano messe accompagnate da veri e propri episodi di trance, in cui, al ritmo dei tamburi sacri  Batà, i Babalawos e Santeros, incarnano il santo ricevendo messaggi e consigli. Ed è attraverso questi messaggi che gli adepti cercano di risolvere i loro problemi spirituali e materiali!



Gli Oris
has più famosi sono:

Elleguà

ELEGGUA’:
è il primo Orishas ad essere salutato ed a ricevere qual
unque offerta. Il primo e l'ultimo ad essere cantato nelle cerimonie e nelle feste ed anche il primo che viene ricevuto dai credenti. Fa parte del gruppo dei Guerreros, insieme con Oggùn, Ochossi e Osun. Custodisce la casa, apre e chiude le porte al destino, rappresenta il bene ed il male, la notte ed il giorno, la disgrazia e la felicità. La sua figura è strettamente vincolata a ECHU: l’incarnazione dei problemi e delle disgrazie dell’uomo. Viene sincretizzato con il Santo Niño di Atocha, Sant’Antonio da Padova e l’Anima Solitaria.

YEMAYA:
Madre della vita, Signora del Mare, fonte fondamentale di vita. Le piace cacciare e maneggiare il machete, è indomabile e astuta, i suoi castighi sono duri e la sua collera terribile. Giustiziera, ma anche madre dolce che ascolta le richieste dei suoi figli e si preoccupa per il loro sostentamento. Si sincretizza con la Vergine della Regola.

CHANGO':
è il più maschio di tutti gli Orishas. Dio del fuoco, del fulmine, del tuono, della guerra, del ballo, della musica e della bellezza virile. E' il re dei tamburi, a lui appartengono i Batà. La parola Changò vuol dire problema. Lui, infatti, rappresenta il maggior numero di virtù e di imperfezioni umane: lavoratore, coraggioso, buon amico, divinatore, curatore ma anche bugiardo, donnaiolo, attaccabrighe, millantatore e giocatore. Per il suo concetto così ampio della vita e dell'allegria, si dice che faccia paura ai morti. La sua festa è il 4 dicembre e viene sincretizzato con Santa Barbara.

OCHUN:
la Venere del Pantheon che rappresenta la femminilità, Signora dei Fiumi, assimilata alla Vergine della Carità del Cobre, patrona di Cuba;

Babalù Ayè

ORULA:
benefattore dell'umanità, che incarna la sapienza e che rivela il destino ai suoi figli, assimilato a San Francesco d'Assisi;

BABALU’ AYE’:
il vecchio con le stampelle, divinità delle malattie, santo molto venerato e pregato per ottenere la grazia della guarigione. Si sincretizza con San Lazzaro che si festeggia il 17 dicembre.




e siccome la festa di Babalù Ayè, San Lazaro, è stata celebrata il 17 dicembre a lui, agli Orishas ed a tutti i cubani dedico questa canzone:

Evviva Changò!

:-)






Principale fonte delle informazioni sulla santeria cubana: articolo tratto dalla Rivista: "Viaggiando ... il Mondo nelle mani";
Foto: Google Immagini e Creative Common Search fotos.
38973 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

3 Trackbacks

  1. Ogni anno, nel mese di agosto e per 3/4 giorni ha luogo, nell'ovest della Nigeria, il Festival di Osun-Osogbo. In questa occasione la popolazione si riunisce per celebrare la dea del fiume Ochun: a lei e ad altri orishas vengono offerti in sacrific

0 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. Buon soggetto, buon articolo ben documentato e buoni estratti misicali - evidentemente.
  2. Salve, oltre a farvi i miei complimenti per l'interessante articolo sulla santeria cubana, spero che vi faccia piacere sapere che l'ho riportato sul portale quintavenida.it, citando ovviamente la vostra fonte e l'autrice dell'articolo.
    Saluti,
    Stefano Guastella
  3. Credo proprio di si :-). Nessun problema.
  4. what a long cigarette....

Aggiungi Commento


Enclosing asterisks marks text as bold (*word*), underscore are made via _word_.
Standard emoticons like :-) and ;-) are converted to images.
E-Mail addresses will not be displayed and will only be used for E-Mail notifications.
To leave a comment you must approve it via e-mail, which will be sent to your address after submission.

To prevent automated Bots from commentspamming, please enter the string you see in the image below in the appropriate input box. Your comment will only be submitted if the strings match. Please ensure that your browser supports and accepts cookies, or your comment cannot be verified correctly.
CAPTCHA