Viaggiare: lo spazio di una vacanza

Viaggio alle Canarie: Gran canaria e Fuengirola

Scritto da Anna C. • Martedì, 7 aprile 2015 • Commenti 0 • Categoria: Spagna

Se si decide di trascorrere una vacanza alle Canarie una delle mete consigliate è Gran Canaria, questa è una località molto conosciuta e frequentata ogni anno da un ampio numero di turisti, possiede un ricco patrimonio artistico e culturale, i luoghi di interesse che si possono visitare in questo luogo sono davvero tanti.

Nel corso del soggiorno non può mancare una visita al Museo – Parco Archeologico Cueva Pintada, questo si trova nella zona nord di Gran Canaria ed una volta entrati è come se si venisse trasportati indietro nel tempo.

Un altro luogo imperdibile è la spiaggia di Las Canteras, questa si trova al centro di Las Palmas, capoluogo di Gran Canaria e può essere definito un vero e proprio acquario all’aperto, nel corso di una visita presso questa spiaggia si possono ammirare diversi esemplari marini che si trovano a circo 100 metri dalla strada, questo spazio è delimitato dalla spiaggia ed è un luogo molto visitato sia dagli abitanti che dai turisti.

Ma, Gran Canaria, è conosciuta anche per i numerosi musei che si trovano in questa località, come ad esempio il Museo di Zafra, al cui interno è raccontata la storia agricola di Gran Canaria; la Casa Museo Antonio Padron, un museo dedicato ad un importante pittore; Casa Museo Peréz Galdós, si tratta di un museo che si trova in quella che è stata la vera abitazione dello scrittore Benito Peréz Galdós ed il Museo Néstor Álamo.

Se si dispone di molti giorni di vacanza si può dividere la vacanza tra Gran Canaria e la località di Fuengirola, questa si trova a circa 1.700 km da Gran Canaria, si può raggiungere sia in aereo che via mare, nel primo caso si deve raggiunge l’aeroporto di Malaga, il viaggio dura tre ore o poco più e da qui bisogna prendere un pullman che, nel giro di un’ora circa, conduce i passeggeri a Fuengirola; nel secondo caso è necessario imbarcarsi su un traghetto che da Gran Canaria conduce a Fuengirola, il viaggio è molto più lungo rispetto a quello in aereo e dura circa 38 ore.



>>Continua a leggere "Viaggio alle Canarie: Gran canaria e Fuengirola"

4487 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Ibiza, le migliori 8 discoteche presenti sull’isola

Scritto da Anna C. • Martedì, 13 gennaio 2015 • Commenti 0 • Categoria: Spagna

Ibiza, le migliori 8 discoteche presenti sullisola

Ibiza, terra di sole 365 giorni allanno,  tanti giovani e turisti da ogni parte del mondo, spiagge dalla sabbia dorata, mare pulito e cristallino, strutture ricettive da top di gamma: basterebbe infondo già solamente questo per rendere la celebre isola dellArcipelago delle Baleari una meta ambita e perfetta per le nostre vacanze, certi che sicuramente non rimpiangeremo i soldi spesi.

Ma come tutti sappiamo ciò che ha davvero reso famosa a livello internazionale lisola di Ibiza è la presenza di discoteche e locali notturni tra i più forti e attrezzati al mondo, che hanno reso Ibiza vera e propria patria della movida e del divertimento discotecaro.

Fare una vacanza a Ibiza vuol dire essere immersi nel divertimento a 365 gradi, dalla mattina in spiaggia fino alla sera, quando si accendono i riflettori delle discoteche presenti sullisola.

Il nucleo della movida notturna è concentrata nel capoluogo omonimo di Ibiza e a SantAtoni de Portmany. Lamministrazione dellisola mette a disposizione un Disco-bus, una serie di navette con corse ogni 30 minuti che la notte porta in giro gli avventori per tutti i locali dislocati sul territorio.

I prezzi sono generalmente in linea con le serate organizzate in Italia e nel resto dEuropa, con prezzi che variano dai 15 ai massimo 60 euro, a seconda ovviamente della location, del tema e di eventuali dj e guest star presenti. Per tutte le informazioni state pure certi che una volta giunti sul territorio troverete ad ogni angolo di strada PR che vi presenteranno tutti gli eventi previsti per la sera stessa e lintera settimana.

Ma quali sono le migliori discoteche di Ibiza? Le abbiamo scelte e raggruppate per voi, grazie anche e sopratutto ai consigli del portale tematico isoladiibiza.com che ci ha fornito dritte e informazioni utili.

Il Pacha

E sicuramente una delle discoteche più cool e longeve di Ibiza, forte della sua fondazione avvenuta nel 1943. Il suo nome è diventato un vero e proprio brand che ha dato vita a una catena di locali dislocati in tutta Europa, una linea di abbigliamento e gadget dedicati. A Ibiza presenta un imponente struttura su più livelli. Tante serate a tema, e dj di fama internazionale si avvicendano nel corso dellanno al Pacha, che si conferma una tappa dobbligo per tutti gli amanti della movida.


>>Continua a leggere "Ibiza, le migliori 8 discoteche presenti sull’isola"

5172 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Chiude elBulli, fine del mito della gastronomia mondiale

Scritto da Apcom • Giovedì, 28 luglio 2011 • Commenti 0 • Categoria: Spagna
Ferran Adria trasforma il suo ristorante in una fondazione

Il mitico ristorante catalano, elBulli, classificato come il migliore al mondo, chiude sabato prossimo dopo oltre 20 anni: lo chef Ferran Adria, alla ricerca di nuovi stimoli, ha deciso infatti di rinunciare alle tre stelle Michelin che hanno premiato la sua cucina innovatrice.
Dunque, niente più schiume di patate e petali di rosa marinati ai carciofi. Il ristorante di Cala Montjoi, sulla costa catalana a nord di Barcellona, riapparirà nel 2014 sotto forma di una fondazione a vocazione ecologica, imperniata sulla ricerca di tecniche culinarie e di sapori nuovi.


>>Continua a leggere "Chiude elBulli, fine del mito della gastronomia mondiale"

3284 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

L'altra Spagna, nell'accattivante Euskadi: Biscaglia, contrasti formidabili di paesaggi e ... Mundaka, non solo il paradiso del surf!

Scritto da Francesca Romana Alegi • Domenica, 24 ottobre 2010 • Commenti 0 • Categoria: Spagna

Mundaka potrebbe essere un buon punto di partenza e di sosta per visitare  Euskadi e la Biscaglia, delle tre province basche, quella che presenta una maggiore densità di popolazione...

Una terra dai tanti e formidabili contrasti, questa è la Biscaglia: le montagne arrivano fino al mare, creando così una costa scoscesa che si addolcisce solo con alcune spiagge ed alle foci dei fiumi dal percorso breve.

Sembra  impossibile che, nello stesso territorio, passando da una valle all'altra, si possa accedere dalle aree industriali, alle orgogliose cittadine signorili sviluppatesi in fretta e furia, ai parchi naturali !


Mundaka, cuore della Riserva della Biosfera di Urdaibai (Biscaglia-Euskadi)

È impressionante il ponte mobile da trasbordo che dal 1893 unisce la località residenziale di Getxo a quella industriale di Portugalete sul fiume Nervìon. È spettacolare la sagoma del monte Anboto i cui 1.296 metri di altezza sono avvolti, da sempre, nella leggenda. Sono intensi i colori degli alberi dipinti del bosco di Oma e la lucentezza metallica del Museo Guggenheim  a Bilbao!

Nell'altanelante passaggio da un punto all'altro di questa policromatica provincia basca spiccano Bilbao, Gernika-Lumo, ed Urdaibai, dichiarata Riserva della Biosfera dall'UNESCO nel 1984 ... e di cui Mundaka  ne è il cuore

Bilbao, capitale della Biscaglia: più fiorente che mai dopo il cossiddetto "effetto Guggenheim".

Fulcro dell'accelerazione dello sviluppo industriale, concentrato qui e sulla riva sinistra del fiume Nervìon, nonché nei grandi centri abitati della provincia,  basato sul settore siderurgico e minerario. Il  ferro è il minerale-simbolo dei Paesi Baschi ...

Il rapido sviluppo della città  si è realizzato anche grazie alle buone comunicazioni ed alla vocazione marittima della zona. Fin dal Medioevo, infatti,  il porto di Bilbao è stata la porta di accesso all'Europa per i territori della Castiglia!

Gernika-Lumo, città simbolo delle tradizionali libertà del popolo basco: qui avevano luogo le riunioni dell'Assemblea di Biscaglia, che si riuniva sotto una quercia, la Gernikako Arbola.

La città è tristemente nota per essere stata teatro del primo bombardamento aereo a tappeto nella storia, messo in atto dalla Luftwaffe (Legione Condor) il 26 aprile 1937, con il supporto della Aviazione Legionaria Fascista, durante la guerra civile spagnola.

L'Assemblea Basca e il Gernikako Arbola sopravvissero miracolosamente alla totale devastazione della città e Picasso racchiuse il tragico momento in una famosa sua opera: Guernica!


Riserva della Biosfera di Urdaibai: Bermeo è una delle maggiori attrattive della costa di Biscaglia e da cui si susseguono scogliere inaccessibili, vaste spiagge e pittoresche valli fluviali ...

Il tragitto verso l'insenatura di Mundaka, al centro di Urdaibai, lascerà il visitatore senza fiato! Qui si concentrano innumerevoli luoghi di interesse naturalistico e storico. 

Da non perdere a Kortezubi le quasi 50 pitture rupestri lasciate dall'uomo magdaleniano, raffiguranti animali nelle grotte di Santimamine o l'escursione al bosco di Oma, dove l'artista Ibarrola ha dipinto, di colori vivaci, centinaia di tronchi di pini!



Bosco di Oma - Kortezubi


E per quanto riguarda le competizioni mondiali di surf ... magari rimando l'approfondimento agli amici di 100sports ... anche se, un accenno al fenomeno del surf a Mundaka ve lo voglio dare...  :-)


Fat Mundaka from SURF SESSION TV on Vimeo.


>>Continua a leggere "L'altra Spagna, nell'accattivante Euskadi: Biscaglia, contrasti formidabili di paesaggi e ... Mundaka, non solo il paradiso del surf!"

13140 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

L'altra Spagna, nell'accattivante Euskadi, tra tradizioni e cultura basca...

Scritto da Francesca Romana Alegi • Giovedì, 14 ottobre 2010 • Commenti 0 • Categoria: Spagna

Vi va di conoscere l'altra Spagna? ... Allora vi porto al Nord, in una zona dove è pressocché arduo incontrare nacchere,  flamenco e... corride! Respirerete un'aria particolare,  trastullati da una diversa ed affascinante altalena di storia, tradizioni, folklore e cultura.

Quello che avvertirete sarà essenzialmente una forte identità radicata, sentita e vissuta profondamente dal ... popolo dei Paesi Baschi o, in lingua basca, Euskadi !

Euskadi, Paesi Baschi 

La comunità autonoma di Euskadi, è lontana dai circuiti internazionali del turismo di massa, eppure è una regione che ha molto da offrire ... un viaggio nel Paìs Vasco non può non catturare il viaggiatore alla ricerca di qualcosa di speciale ...

San Juan de Gaztelugatxe - Bermeo (Biscaglia)


Si dice che i baschi sappiano godersi la vita ... nelle feste tradizionali, ad esempio, saranno presenti la pariglia di buoi che trascina massi di 3 tonnellate ... e le gare,  quelle che vedono in competizione gli Harrijasotzailes (sollevatori di pietre) o gli Aizkolaris (i taglialegna). Del resto una delle usanze più caratteristiche di questi luoghi sono gli sport rurali, riflesso dei lavori quotidiani degli antichi baschi, come i Segalaris (i tagliatori di erba)!

Altra grande passione di Euskadi, oltre al canottaggio, è la pelota, che si gioca con regole diverse: con la chistera (racchetta di vimini che prolunga il guanto protettore), con la cesta punta, introdotta dall’America latina, in un cortile chiuso su tre lati (jaï alaï), con una racchetta di legno o pala, o a mano.  

Donostia-San Sebastian


>>Continua a leggere "L'altra Spagna, nell'accattivante Euskadi, tra tradizioni e cultura basca..."

16471 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

30 milioni di anni racchiusi nelle Isole Canarie. Tenerife: " la montagna bianca".

Scritto da Francesca Romana Alegi • Lunedì, 9 agosto 2010 • Commenti 0 • Categoria: Spagna

Le Isole Canarie , costituite da 7 isole e 6 isolotti, sono punte emerse di una catena montuosa vulcanica  che si estende sul fondo dell'oceano.

Nell' arcipelago sono racchiusi 30 milioni di anni, tra bei paesaggi e misteri che ancora cercano risposte!

Si trovano al largo delle coste nord -occidentali africane, nell'area che appartiene politicamente alla Spagna, da cui emerge la cosmopolita ed urbanizzata Tenerife (che significa Montagna Bianca), l'isola più grande delle Canarie ed anche la più conosciuta turisticamente.

Qui svetta il Teide, il monte più alto della Spagna ed anche vulcano a scudo, il terzo nel mondo, come grandezza.

Vale la pena dedicare  una giornata intera alla visita del Parco Nazionale del Teide, con il suo paesaggio  lunare e surreale: colori che variano dal rosso al nero all'ocra, la vastità  degli spazi, il silenzio.

E' "Terra Bruciata"  dove la natura si è divertita a creare, con le sue colate laviche, delle forme bizzarre. 



Da visitare assolutamente il sito archeologico di Güímar: al suo interno un intero complesso cerimoniale interamente restaurato, grazie al ricercatore norvegese Thor Heyerdhal che è riuscito, con la sua devota passione, a recuperare un patrimonio culturale che rischiava di scomparire!

L'enigma di queste piramidi, molto simili alle piramidi maya, sarà collegato all'antico regno dei Guanci (o Guanchi) che aveva dominato le Canarie prima che giungessero i colonizzatori spagnoli nel XV° secolo?

Al Museo della Natura e dell´Uomo di Santa Cruz, il visitatore potrà ammirare tutto quel potenziale di contenuti, collezioni e conoscenze accumulatosi in decenni di ricerca e di lavoro scientifico, è un patrimonio inestimabile, testimone della ricchezza naturale delle Isole Canarie e delle loro popolazioni preispaniche.



>>Continua a leggere "30 milioni di anni racchiusi nelle Isole Canarie. Tenerife: " la montagna bianca"."

6064 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!